Indicazioni Regionali Accesso alle cure per il paziente cirrotico

 
Indicazioni Regionali Accesso alle cure per il paziente cirrotico

La cirrosi epatica rappresenta una causa importante di morbilità e mortalità: in Italia si stimano circa 100.000 persone con cirrosi epatica, di varia eziologia, e i decessi attribuibili a cirrosi epatica ed epatocarcinoma, patologia che insorge in un fegato cirrotico, sono circa 20.000/anno (dati ISTAT 2015).

La cirrosi determina un quadro clinico molto complesso, in cui possono insorgere numerose problematiche correlate che, con l’avanzare del danno, possono essere sempre più gravi e determinare sviluppo di epatocarcinoma, ascite, emorragia gastro-esofagea, encefalopatia epatica, scompenso epatico e morte.

L’impatto della cirrosi epatica sul paziente, anche dal punto di vista sociale ed economico, è stato approfondito numerose volte, a differenza di quello di alcune complicanze come l’encefalopatia epatica (EE), altamente debilitante per il paziente e per chi lo assiste.

Gestire la cirrosi epatica non è semplice ma possibile, specie quando ci si riferisce a complicanze “trattabili” o gestibili con percorsi terapeutici appropriati.

In questo ambito, fondamentali risultano non soltanto le linee guida cliniche, ma anche la loro comprensione da parte dei pazienti e loro familiari, la fruibilità di queste stesse indicazioni e, soprattutto, la predisposizione da parte del Sistema Sanitario di percorsi dedicati e specifici per la cronicità epatica.

Tuttavia, all’interno del piano cronicità nazionale, vi è una lacuna relativamente alla cirrosi epatica, per cui mancano quelle indicazioni specifiche sui percorsi da adottare che sono fondamentali per una corretta gestione. Ne consegue che è demandata alle Regioni, o amministrazioni sanitarie locali, la definizione di piani o PDTA (Percorsi Diagnostico Terapeutici) dedicati ai pazienti con cirrosi epatica, percorsi che tuttavia sono spesso assenti o comunque difficili da individuare ed interpretare per i pazienti e i cittadini in generale.

In tale complesso contesto, acuito dalle enormi difficoltà venutesi a creare per effetto della pandemia da Covid-19 con le relative restrizioni alle attività ambulatoriali, in particolare per il follow-up, l’Associazione ha ritenuto opportuno ed utile per i pazienti affetti da cirrosi epatica di avviare una serie di attività di ricerca, raccolta, interpretazione e messa a disposizione dei pazienti e chiunque ne possa essere interessato, dei differenti percorsi diagnostico terapeutici per la gestione della cirrosi epatica nelle varie regioni italiane.

In particolare abbiamo:

  • Cercato di individuare, attraverso la ricerca sui siti istituzionali ed eventuale contatto diretto con gli Assessorati alla salute regionali e delle Province Autonome, tutti i percorsi, piani e PDTA dedicati alla gestione della cirrosi.

  • Estrapolato le principali e più importanti informazioni contenute in tali documenti, per poterle mettere a disposizione dei pazienti e di chiunque possa esserne interessato.

  • Realizzato una “mappa” delle dinamiche di accesso alle cure, ai servizi ed alle terapie per i pazienti con cirrosi epatica, in particolare in periodo di pandemia, Regione per Regione.

Abbiamo inoltre attivato:

  • un sistema di segnalazione (raggiungibile attraverso il link in fondo) per chiunque ne avesse bisogno per segnalare e richiedere informazioni/supporto, contattando direttamente l’Associazione ed il responsabile dell’Osservatorio EpaC per l’Accesso alle cure,

  • un numero verde dedicato all’assistenza,

  • il servizio dell’ “Esperto Risponde” attraverso cui porre domande ad un clinico esperto.

 
Indicazioni Regionali Accesso alle cure per il paziente cirrotico
 
Indicazioni Regionali Accesso alle cure per il paziente cirrotico
 
Indicazioni Regionali Accesso alle cure per il paziente cirrotico
 
Indicazioni Regionali Accesso alle cure per il paziente cirrotico
 
Indicazioni Regionali Accesso alle cure per il paziente cirrotico