Dott. Marcialis spiega il ruolo della dieta nella malattia renale cronica - MRC

Giorgio Marcialis

Medico di Medicina generale

Image-empty-state.png
© Contenuto protetto

ll microbiota intestinale rappresenta l’insieme dei microorganismi che risiedono nel nostro intestino e che rivestono numerose funzioni per l’organismo. Tra le attività più note, c’è sicuramente quella digestiva, ma studi recenti hanno messo in luce gli effetti regolatori del microbiota su diverse funzioni del corpo, come quelle immunitarie, oppure la correlazione tra un'alterazione della flora batterica intestinale (disbiosi intestinale) e diverse patologie croniche, tra cui la Malattia Renale Cronica (MRC).

Questa è una patologia molto diffusa a livello globale (si stima che colpisca l'11-13% della popolazione generale).

Chi ne soffre è di solito un paziente fragile, che spesso ha anche il diabete e/o altre malattie cardiovascolari (es. ipertensione arteriosa), ed è di solito a rischio di malnutrizione.

Alla luce delle ultime ricerche, la relazione tra alimentazione e microbiota intestinale sembra di primaria importanza nella nostra salute. Infatti, la dieta, i cambiamenti fisiologici che si hanno con l’invecchiamento e la diminuita funzionalità del sistema immunitario sono fattori che alterano la composizione del microbiota intestinale, e questo incide di riflesso sulla qualità della vita. Ecco perché, insieme alla gestione farmacologica, risulta fondamentale unire un approccio nutrizionale.

Image-empty-state.png
Image-empty-state.png
Image-empty-state.png
Image-empty-state.png